Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2006 Ottobre;61(5) > Minerva Chirurgica 2006 Ottobre;61(5):445-50

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia

Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,877

Periodicità: Bimestrale

ISSN 0026-4733

Online ISSN 1827-1626

 

Minerva Chirurgica 2006 Ottobre;61(5):445-50

 CASI CLINICI

Fistole aortiche ricorrenti postoperatorie: esiste un metodo ideale di prevenzione?

Picichè M. 1, Demaria R. G. 1, Miguel B. 2, Frapier J. M. 1, Rouviere P. 1, Battistella P. 1, Albat B. 1

1 Department of Cardiovascular Surgery Arnaud de Villeneuve Hospital Montpellier Teaching Hospital Montpellier University, Montpellier, France
2 Department of Cardiovascular Surgery Gabriel Montpied Hospital Clermont-Ferrand Teaching Hospital Clermont-Ferrand University,
Clermont-Ferrant, France

Esistono pochissimi casi nella letteratura in lingua inglese di fistole aortiche ricorrenti postoperatorie (FARP). Queste sono neocomunicazioni che si stabiliscono tra il flusso ematico aortico e il lume degli organi contigui e che insorgono a distanza di tempo imprevedibile dopo il trattamento chirurgico di una precedente fistola. L’aorta sopradiaframmatica può fistolizzare nelle vie aeree, nella circolazione polmonare, nell’esofago e nelle camere cardiache; l’aorta sottodiaframmatica nell’intestino, nello stomaco e nella vena cava. In base all’eziologia, le fistole aortiche si suddividono in postoperatorie (o secondarie) e spontanee (o primarie) e le FARP possono essere considerate come un sottogruppo delle fistole secondarie. Esse possono ricorrere più volte nello stesso paziente, perciò il ruolo della prevenzione è della massima importanza. Il rispetto simultaneo di vari principi chirurgici è cruciale nel rendere il rischio di ricorrenza meno probabile. Il trattamento chirurgico rappresenta una vera sfida a causa delle condizioni di emergenza e della stessa natura dei reinterventi. La mortalità è molto alta.
In questo articolo, viene descritto un caso di fistola aorto-duodenale ricorrente, vengono discussi i principi di prevenzione riguardo l’aorta sia sopra sia sottodiaframmatica, vengono apportate delle modifiche alla tradizionale classificazione e viene presentata la prima revisione della letteratura sulle FARP.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina