Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2006 Ottobre;61(5) > Minerva Chirurgica 2006 Ottobre;61(5):417-20

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,877

 

Minerva Chirurgica 2006 Ottobre;61(5):417-20

 ARTICOLI ORIGINALI

Simpatectomia endoscopica toracica con l’uso di endoclip nel trattamento della fobia sociale: esperienza di Monza

Sciuchetti J. F., Ballabio D., Corti F., Romano F., Benenti C., Costa Angeli M.

1 Division of Thoracic Surgery San Gerardo Hospital Monza, Milan, Italy
2 Division of Surgery San Gerardo Hospital Monza, Milan, Italy

Obiettivo. L’eritrofobia viene considerata il sintomo peculiare della fobia sociale e definita come lo “stigma dell’imbarazzo”. A tutt’oggi, la simpatectomia eseguita in videotoracoscopia rappresenta l’unica tecnica in grado di garantire dei risultati a lungo termine nel trattamento dei disturbi autonomici. Lo scopo del nostro studio era valutare i risultati, le complicanze e la reale efficacia di 52 simpatectomie endoscopiche con l’utilizzo della tecnica neurocompressiva in pazienti con eritrofobia isolata o associata a disturbo iperidrotico.
Metodi. Tra il settembre 2002 e l’aprile 2005, 52 pazienti sono stati sottoposti a simpatectomia endoscopica toracica con tecnica neurocompressiva. Questa tecnica chirurgica è stata utilizzata in 26 casi (50%) per il trattamento di un’eritrofobia faciale isolata; in altri 26 casi (50%) per il trattamento di un’iperidrosi associata a manifestazione iperidrotica con diverse localizzazioni. Sotto guida endoscopica, in 51 pazienti (98,07%) abbiamo eseguito un blocco del simpatico attraverso l’interruzione del tronco intergangliare a livello di T2-T3. In un paziente (1,92%) abbiamo eseguito un’interruzione del simpatico attraverso una completa esclusione del terzo ganglio toracico.
Risultati. Non abbiamo avuto mortalità intra e postoperatoria. L’efficacia del trattamento è stata eccellente in tutti i pazienti, con l’evidenza di complicanza in un paziente soltanto (1,92%).
Conclusioni. La simpatectomia endoscopica toracica neurocompressiva si é rivelata una tecnica sicura ed efficace. I pazienti hanno riferito enorme soddisfazione in termini di complicanze e miglioramento della qualità di vita; i disturbi precoci e tardivi manifestati dai pazienti nel periodo postoperatorio vengono riferiti come del tutto trascurabili.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina