Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2006 Ottobre;61(5) > Minerva Chirurgica 2006 Ottobre;61(5):409-15

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,877

 

Minerva Chirurgica 2006 Ottobre;61(5):409-15

 ARTICOLI ORIGINALI

Simpaticectomia lombare retroperitoneoscopica in arteriopatici non suscettibili di rivascolarizzazione

Della Giovampaola C., Conte M., Caldarelli C., Zampieri F., Battaglia N., Spisni R., Parente B., Caldarelli G.

1 Department of Surgery University School of Medicine, Pisa, Italy
2 Department of Otorinolaringology and Maxillofacial Surgery, ASL 4, Turin, Italy

Obiettivo. In questo lavoro viene riportata l’esperienza degli Autori con la simpaticectomia lombare video-assistita per arteriopatia ostruttiva non suscettibile di rivascolarizzazione in una serie di 23 pazienti consecutivi con dolore a riposo, limitate ulcere cutanee o gangrene parcellari delle dita.
Metodi. Tutti gli interventi sono stati eseguiti con approccio retroperitoneale, posizione dorsale del paziente e semplice dissezione digitale dello spazio retroperitoneale.
Risultati. Tutti gli interventi sono stati eseguiti con successo, tranne 2 convertiti in tecnica aperta. Un urinoma da lesione ureterale è stata la sola grave complicanza. La durata media dell’intervento è stata di 55 min e la degenza ospedaliera di 2-3 giorni. Dopo l’intervento non sono stati somministrati farmaci analgesici per via parenterale. A un mese dall’intervento, 20 pazienti su 23 registravano una significativa riduzione del dolore a riposo e miglioramento delle lesioni ischemiche. A un follow-up medio di 36 mesi, 2 pazienti risultano deceduti, 4 sono stati sottoposti a qualche tipo di amputazione distale e uno presenta recidiva del dolore a riposo. Gli altri 16 riferiscono persistente cessazione del dolore e miglioramento delle lesioni trofiche.
Conclusioni. La tecnica retroperitoneoscopica appare la versione più attuale e meno invasiva della simpaticectomia chirurgica lombare.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina