Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2006 June;61(3) > Minerva Chirurgica 2006 June;61(3):231-9

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,877


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Chirurgica 2006 June;61(3):231-9

Copyright © 2006 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Effect of endoscopic sympathectomy for hyperhidrosis on quality of life using the illness intrusiveness rating scale

Cinà C. S. 1, Robertson S. G. W. 1, Young E. J. M. 2, Cartier B. 3, Clase C. M. 4

1 Division of Vascular Surgery Department of Biostatistics and Epidemiology McMaster University, Victoria Medical CentreHamilton, ON, Canada
2 Division of Thoracic Surgery McMaster University, Victoria Medical Centre Hamilton, ON, Canada
3 Division of Vascular Surgery Centre hospitalier régional du Suroît Valleyfield, Montreal University
Montreal, Canada
4 Division of Nephrology Department of Biostatistics and Epidemiology McMaster University, Victoria Medical Centre Hamilton, ON, Canada


PDF  


Obiettivo. L’obiettivo di questo studio è stato valutare l’impatto della simpatectomia toracica bilaterale per via endoscopica (endoscopic thoracic sympathectomy, ETS) sulla qualità di vita dei pazienti con iperidrosi degli arti superiori.
Metodi. è stato eseguito uno studio di coorte, multicentrico, prospettico. I pazienti sono stati studiati prima dell’intervento chirurgico, precocemente (entro 2 mesi) e tardivamente (4 o più mesi) dopo l’intervento. Il decorso è stato valutato sulla base del punteggio totale dell’illness intrusiveness rating scale (IIRS), che valuta l’impatto della malattia sulla base di una scala Likert a 7 punti per ognuno dei 13 argomenti relativi alla qualità di vita. A ogni visita i partecipanti hanno completato il questionario IIRS e hanno risposto a 10 domande aggiuntive per valutare la gravità della malattia, a una riguardo alla sua gravità globale, a domande sugli aspetti lavorativi e sociali, sul fumo, e a una per valutare i risultati dell’intervento chirurgico.
Risultati. Dal 1994 al 2003, 22 pazienti sono stati sottoposti a intervento chirurgico. Per 12 di loro sono stati disponibili i dati relativi al periodo postoperatorio precoce, per 19 pazienti sono stati disponibili i dati relativi al periodo postoperatorio tardivo. Il punteggio IIRS preoperatorio era di 57 ± 14. Dopo l’intervento chirurgico è stato evidenziato un miglioramento statisticamente significativo del punteggio IIRS, delle risposte riguardanti la gravità della malattia, del punteggio relativo alla sua gravità globale e degli obiettivi postoperatori sia precoci sia tardivi. Nel periodo preoperatorio, il 47% dei pazienti aveva una relazione sentimentale stabile, il 30% fumava e il 73% aveva un lavoro; nel periodo postoperatorio queste percentuali erano pari al 58%, 16% e 90%, rispettivamente (P = NS). Un paziente (5%) ha sviluppato un pneumotorace postoperatorio e uno (5%) un’iperidrosi compensatoria. Non si sono avute altre complicanze locali e nessun paziente ha sviluppato la sindrome di Horner.
Conclusioni. Utilizzando un metodo affidabile e valido per la valutazione della qualità di vita è stato dimostrato che l’intervento chirurgico è efficace per il trattamento dell’iperidrosi. Date le possibili complicanze, pensiamo che esso debba essere riservato ai pazienti con la forma più grave di questa condizione. La gravità può essere definita dall’utilizzo dell’IIRS e dalle 10 domande mirate che abbiamo descritto.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail