Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2006 Aprile;61(2) > Minerva Chirurgica 2006 Aprile;61(2):167-9

ULTIMO FASCICOLOMINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,877

 

CASI CLINICI  


Minerva Chirurgica 2006 Aprile;61(2):167-9

lingua: Inglese

Small bowel evisceration after laparoscopic cholecystectomy: report of an unusual case

Baldassarre G. E. 1, Valenti G. 1, Torino G. 1, Prosperi Porta I. 2, Valenti V. 3, Campisi C. 4

1 Department of General Surgery San Pietro Hospital-Fatebenefratelli, Rome, Italy
2 Department of Clinical Sciences Policlinico Umberto I La sapienza University, Rome, Italy
3 Department of Cardiology Sant’Andrea Hospital La sapienza University, Rome, Italy
4 National Research Council, Rome, Italy


PDF  ESTRATTI


Con il rapido sviluppo della chirurgia laparoscopica, soprattutto nel trattamento della calcolosi della colecisti, a dispetto degli indubbi vantaggi, un numero sempre crescente di articoli descrive in letteratura la comparsa di nuove patologie direttamente legate all’approccio laparoscopico.
In particolar modo, l’eviscerazione è una rara complicanza descritta in precedenza in procedure ginecologiche-ostetriche e soltanto una volta in una videolaparocolecistectomia.
In questo articolo viene presentato un caso di eviscerazione intestinale dopo videolaparocolecistectomia in un paziente con eziologia multifattoriale: debolezza della regione ombelicale, tosse intrattabile nella prima giornata postoperatoria, slargamento eccessivo della fascia muscolare per rimuovere 2 ampi calcoli dalla breccia ombelicale.
In accordo con la letteratura, concludiamo che brecce laparoscopiche più grandi di 5 mm di diametro debbano essere chiuse a livello fasciale. Riteniamo inoltre importante rimuovere la colecisti dalla breccia epigastrica per evitare l’eccessivo slargamento e rottura della porta ombelicale.

inizio pagina