Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2006 Aprile;61(2) > Minerva Chirurgica 2006 Aprile;61(2):141-54

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia

Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,877

Periodicità: Bimestrale

ISSN 0026-4733

Online ISSN 1827-1626

 

Minerva Chirurgica 2006 Aprile;61(2):141-54

 REVIEW

The role of the surgeon in the management of melanoma

Sabel M. S., Arora A.

Department of Surgery, University of Michigan Comprehensive Cancer Center Ann Arbor, MI, USA

Mentre la terapia multidisciplinare è diventata lo standard per la maggior parte dei tumori solidi, per il melanoma il trattamento è ancora imperniato sull’intervento chirurgico. Questo è vero non solo per le fasi precoci della malattia ma anche per quelle avanzate. L’approccio chirurgico al melanoma è mutato radicalmente, indirizzandosi verso un’asportazione meno aggressiva del tumore primario, accompagnata, però, da un approccio più aggressivo nei confronti delle metastasi. La chirurgia del melanoma è stata influenzata dalla comprensione dei meccanismi biologici della malattia e dai dati emersi dagli studi clinici prospettici e randomizzati appositamente disegnati. Viceversa, i nuovi approcci chirurgici ci hanno consentito di comprendere meglio la biologia del melanoma, ma sono necessari ulteriori studi randomizzati per definire ulteriormente l’approccio chirurgico ottimale. Questo articolo rivede l’evoluzione della chirurgia del melanoma e sottolinea le evidenze che sono alla base delle raccomandazioni attuali.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina