Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2005 December;60(6) > Minerva Chirurgica 2005 December;60(6):487-96

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,115


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Chirurgica 2005 December;60(6):487-96

Copyright © 2005 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Riduzione del danno vascolare in un modello sperimentale di rigetto cronico mediante blocco selettivo della via di costimolazione B7:CD28

Rademacher J., Cansolino L., Lillo E., Oldani G., Delfino A., Matteotti C., Gaspari A., Maestri M., Dionigi P.


PDF  


Obiettivo. Il blocco costimolatorio e la trafusione di antigeni del donatore (donor specific transfusion, DST) possono indurre tolleranza agli organi trapiantati attraverso un processo multistep di adattamento tra sistema immunitario del ricevente e del donatore e determinare in vivo un prolungamento della sopravvivenza del graft. Scopo di questo studio è valutare il trattamento con CTLA4Ig e DST in un modello sperimentale mismatched di trapianto di aorta nel ratto.
Metodi. Sono stati effettuati trapianti ortotopici di aorta in riceventi Lewis da Wistar-Furth. Gli animali trapiantati sono stati randomizzati in 3 gruppi a seconda del trattamento postoperatorio. Il gruppo 1 (controlli, n=6) ha ricevuto il solo trapianto aortico, mentre il gruppo 2 (n=7) è stato trattato con DST. Il gruppo 3 (n=5) ha ricevuto CTLA4Ig e DST. Gli animali sono stati sacrificati in 60° giorno postoperatorio e i graft sono stati preparati per l'istologia. Cellularità intimale, muscolare e infiltrazione linfocitaria sono state valutate mediante conte cellulari seriate.
Risultati. Il gruppo 1 presentava segni di rigetto cronico severo, mentre il gruppo 2 manifestava un rallentamento dello sviluppo di rigetto con infiltrato infiammatorio minore rispetto al gruppo 1 (P<0,05). Il gruppo 3 presentava i migliori risultati con minore infiltrazione e alterazioni minime rispetto ai gruppi 1 e 2.
Conclusioni. Il blocco costimolatorio associato a DST può prevenire l'insorgenza di rigetto cronico in questo modello sperimentale. Nonostante l'ampia disponibilità di immunosoppressori, che fa dei trapianti una pratica clinica di routine, la soluzione al rigetto cronico è tuttora lontana. Il ruolo sinergico degli splenociti e del blocco costimolatorio apre prospettive interessanti circa il ruolo immunomudulatorio della milza nell'induzione di tolleranza.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail