Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2005 October;60(5) > Minerva Chirurgica 2005 October;60(5):401-16

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,877


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Chirurgica 2005 October;60(5):401-16

lingua: Inglese

Robotics in colorectal surgery

Kariv Y., Delaney C. P.


PDF  


L'approccio minimamente invasivo non è ancora divenuto l'obiettivo di riferimento negli interventi a carico del colon-retto, nonostante i suoi provati vantaggi nel periodo postoperatorio. Questo è dovuto in parte alle limitazioni tecniche della odierna laparoscopia standard e in parte alla conoscenza delle necessarie tecniche chirurgiche più avanzate. La tecnologia robotica supera alcune di queste limitazioni consentendo con successo movimenti intuitivi e migliorando la precisione e l'accuratezza in un ambiente molto più ergonomico. Nonostante questa tecnologia venga applicata solo in pochi, selezionati centri, essa è già stata applicata in quasi tutti gli interventi chirurgici maggiori eseguiti per il trattamento sia di patologie benigne che maligne del grosso intestino. La fattibilità di esecuzione di queste procedure utilizzando sistemi robotici è stata dimostrata in diverse casistiche. I tassi di reintervento e di complicanze sono bassi e i risultati a breve termine sono paragonabili a quelli della laparoscopia convenzionale. Tuttavia, non sono ancora stati dimostrati chiari vantaggi per i pazienti. Inoltre, la tecnologia robotica si associa ad un aumento significativo del tempo necessario per eseguire l'intervento chirurgico e dei costi relativi all'assistenza del paziente. Comunque, questa tecnologia potrà in futuro portare un grande beneficio potenziale ai pazienti. Prima che la tecnologia robotica possa essere incorporata di routine nelle procedure chirurgiche a carico del colon e del retto sono necessarie ulteriori esperienze cliniche con questi sistemi, ulteriori sviluppi tecnologici e una continua ricerca.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail