Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2005 Ottobre;60(5) > Minerva Chirurgica 2005 Ottobre;60(5):363-74

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,877


eTOC

 

  UPDATE ON LAPAROSCOPIC SURGERY


Minerva Chirurgica 2005 Ottobre;60(5):363-74

lingua: Inglese

Laparoscopic splenectomy for non-traumatic diseases

Silecchia G., Raparelli L., Casella G., Basso N.


PDF  


La splenectomia laparoscopica è indicata principalmente in caso di malattie ematologiche benigne e, in caso di milze di normali dimensioni, è considerata il trattamento chirurgico gold standard. La tecnica chirurgica è in continua evoluzione e numerosi studi hanno dimostrato la sicurezza e la fattibilità anche in caso di splenomegalia, lesioni maligne e perfino in casi selezionati di lesioni traumatiche.
La splenectomia laparoscopica deve essere considerata una procedura chirurgica avanzata che richiede un management di un team esperto della fase di preparazione preoperatoria, della strategia chirurgica e della gestione postoperatoria. Risulta necessaria una completa comprensione degli esiti delle scelte chirurgiche per poter pianificare il trattamento di patologie che, spesso, sono di pertinenza multidisciplinare.
Indicazioni e controindicazioni alla chirurgia non differiscono significativamente dalla chirurgia tradizionale, tuttavia la natura della malattia e il volume della milza possono influenzare la strategia chirurgica. Pertanto studio preoperatorio con definizione dei suddetti parametri insieme a un'adeguata preparazione alla chirurgia della milza sono attualmente considerati fattori essenziali.
La tecnica chirurgica ha subito nel corso degli anni importanti evoluzioni proprio in ragione delle difficoltà emergenti dalle caratteristiche della patologia e dal volume della milza. L'approccio anteriore, semilaterale, laterale e la tecnica ''hand assisted'' offrono vantaggi e svantaggi che devono essere valutati in ogni singolo caso. Infatti, la scelta dipende non solo dalla preferenza del chirurgo, ma, soprattutto, dai dati derivati dallo studio preoperatorio, anche quando sono disponibili strumenti chirurgici innovativi come il dissettore a ultrasuoni.
Pur in assenza di studi prospettici randomizzati per confrontare i risultati della chirurgia laparoscopica e tradizionale, numerosi studi hanno dimostrato che l'approccio laparoscopico offre minore trauma chirurgico, minori perdite di sangue, rapida dimissione e ritorno alle normali attività e migliore cosmesi.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail