Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2005 June;60(3) > Minerva Chirurgica 2005 June;60(3):159-66

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,877


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Chirurgica 2005 June;60(3):159-66

Copyright © 2005 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Technical tricks for radical but conservative liver resection. The ultrasound guidance

Torzilli G., Palmisano A., Del Fabbro D., Donadon M., Montorsi M.


PDF  


Nell¹esperienza di molti gruppi chirurgici il tasso di resezioni epatiche maggiori resta elevato principalmente per il timore di non essere radicali facendo interventi più conservativi: ciò avviene sebbene le resezioni epatiche maggiori siano ancora caratterizzate da tassi di mortalità e morbilità maggiore non trascurabili. L¹ecografia intraoperatoria, quando utilizzata non solo come presidio diagnostico ma soprattutto come strumento di guida alla resezione, permette di ridurre al minimo il ricorso a epatectomie maggiori pur conservando la radicalità oncologica dell¹intervento. In questo modo, nella nostra esperienza abbiamo ridotto il tasso di resezioni maggiori al 15% del totale delle resezioni allorché per epatectomie maggiori si considerino la rimozione di 1 settore o di 2 segmenti adiacenti; laddove, invece, considerassimo epatectomie maggiore quelle resezioni che comprendano la rimozione di almeno 3 segmenti, il tasso di resezioni maggiori nella nostra serie scenderebbe al 5%. Questo atteggiamento ci ha consentito di effettuare interventi sicuri, senza mortalità e morbilità maggiore, e radicali, senza recidive locali a un follow-up medio di 18 mesi. Vengono quindi discussi in dettaglio gli accorgimenti tecnici per effettuare in modo appropriato resezioni epatiche ecoguidate.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail