Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2005 April;60(2) > Minerva Chirurgica 2005 April;60(2):77-82

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,877


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Chirurgica 2005 April;60(2):77-82

lingua: Italiano

Metastasi epatiche da carcinoma colo-rettale in pazienti con infezione da epatite B o C

Iascone C., Ruperto M., Barillari P.


PDF  


Obiettivo. Le metastasi epatiche da carcinoma colo-rettale sono piuttosto infrequenti in pazienti affetti da epatite B o C; gli studi pubblicati sull'argomento sono pochi nella letteratura mondiale e nessuno di essi è stato effettuato nei paesi occidentali.
Metodi. In questo studio abbiamo confrontato l'incidenza di metastasi epatiche ed extraepatiche sincrone al carcinoma colo-rettale primitivo in 87 pazienti con test sierologici positivi per HBV o HCV (29 per epatite C e 58 per epatite B), e in 543 pazienti con test sierologici negativi.
Risultati. I 2 gruppi sono risultati confrontabili per distribuzione dei pazienti in funzione del sesso, per tipologia degli interventi chirurgici eseguiti, per grado di differenziazione della neoplasia primitiva ed incidenza di metastasi linfatiche loco-regionali. La distribuzione dei pazienti in funzione dello stadio non differiva nei 2 gruppi relativamente agli stadi I II e III, mentre il 33,1% dei pazienti con sierologia negativa ed il 17,2% dei pazienti con epatite B o C confluiva nello stadio IV (P<0,001). Al momento dell'intervento chirurgico il 30% dei pazienti presentava metastasi epatiche sincrone ed il 14,9% sincrone in sedi extraepatiche. L'incidenza delle localizzazioni secondarie extraepatiche è risultata indipendente dalla presenza o meno di epatopatia essendo del 14,9% nei pazienti sierologicamente negativi e del 15% nei pazienti con epatite B o C, mentre l'incidenza di metastasi epatiche sincrone era rispettivamente del 32% nei pazienti con sierologia negativa e del 17,2% nei pazienti con epatite B o C (P<0,01).
Conclusioni. Il nostro studio evidenzia un'incidenza di metastasi epatiche sincrone significativamente minore in pazienti con carcinoma colo-rettale e sierologia positiva per epatite B o C rispetto a pazienti con carcinoma colo-rettale e sierologia negativa, supportando l'ipotesi che l'attivazione del sistema immunitario dovuta alla replicazione virale possa costituire un ostacolo alla colonizzazione del fegato da parte di cellule neoplastiche.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail