Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2005 Febbraio;60(1) > Minerva Chirurgica 2005 Febbraio;60(1):31-6

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia

Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,877

Periodicità: Bimestrale

ISSN 0026-4733

Online ISSN 1827-1626

 

Minerva Chirurgica 2005 Febbraio;60(1):31-6

 ARTICOLI ORIGINALI

Endoscopic biliary stenting facilities safe and early removal of T-tube in liver transplant patients

Rolles K., Fusai G., Rolando N., Koti R., Patch D., Davidson B. R., Burroughs A. K.

Obiettivo. Tradizionalmente, nei pazienti sottoposti a trapianto di fegato, l¹anastomosi biliare termino-terminale è realizzata su un tubo di Kehr lasciato in situ per un periodo variabile dai 3 ai 6 mesi. A seguito della rimozione del tubo di Kehr è riportata un¹alta incidenza di bile leaks (mimima deiscenza dell¹anastomosi biliare).
Metodi. È stato condotto uno studio prospettico per valutare se lo stenting biliare endoscopico favorisca la rimozione precoce e senza complicanze del tubo di Kehr. Tutti i pazienti con anastomosi biliare termino-terminale trapiantati da gennaio 1998 a dicembre 2002 sono stati inclusi in questo studio.
Risultati. Ventinove pazienti erano eleggibili per lo studio. Otto pazienti sono deceduti nell¹iniziale periodo postoperatorio e non sono stati inclusi nell¹analisi. Un esame colangiografico attraverso il tubo di Kehr è stato eseguito di routine in tutti i pazienti (mediana 37 giorni; range 4-47), seguito dal posizionamento endoscopico di uno stent biliare (mediana 37 giorni; range 20-55). Lo stent è stato rimosso successivamente (mediana 84 giorni; range 45-133). Tutte le complicanze periprocedurali sono state registrate. Il posizionamento dello stent è stato possible in tutti i casi. In 2 pazienti è stato necessario ripetere la colangiopancreatografia retrograda endoscopica, per iniziale insuccesso nell¹incannulare la papilla o per riposizionare lo stent. Una laparotomia d¹urgenza è stata necessaria in un paziente con deiscenza biliare a seguito del malposizionamento dello stent. Altri 2 bile leak sono stati riportati, di cui uno in un paziente asintomatico, e risolti con trattamento conservativo. Una lieve pancreatite è stata notata in un paziente a seguito della colangiopancreatografia retrograda endoscopica.
Conclusioni. Il posizionamento di una endoprotesi biliare nei pazienti sottoposti a trapianto di fegato con anastomosi biliare termino-terminale permette una rimozione precoce del tubo di Kehr con poche complicanze.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina