Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2004 Dicembre;59(6) > Minerva Chirurgica 2004 Dicembre;59(6):573-82

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,877


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Chirurgica 2004 Dicembre;59(6):573-82

lingua: Italiano

Ruolo clinico dell'interleuchina-2 nel trattamento chirurgico delle metastasi epatiche da adenocarcinoma del colon

Brivio F., Fumagalli L., Fattori L., Nespoli L., Denova M., Sargenti E., Nespoli A.


PDF  


La chirurgia delle metastasi epatiche da carcinoma colo-rettale è in grado di modificare sostanzialmente l'evoluzione naturale della malattia soprattutto se associata a programmi efficaci di terapia medica. La chemioterapia, sia sistemica che loco-regionale intra-epatica arteriosa, si prefigge 2 possibili obiettivi: uno adiuvante, nel prevenire o ritardare progressioni di malattia; il secondo neo-adiuvante -sicuramente più interessante dal punto di vista chirurgico-, che ha l'intento di sfruttare risposte parziali consistenti per riproporre una chirurgia resettiva in pazienti considerati in precedenza oltre i limiti chirurgici. Tuttavia, un importante limite all'applicazione di tali trattamenti multidisciplinari è rappresentato dal grave deficit immune del paziente neoplastico avanzato, che condiziona significativamente la prognosi a distanza dopo qualsiasi tipo di trattamento (chirurgico, chemioterapico). L'intento di questo lavoro è rivedere le differenti possibilità di incrementare i risultati clinici sia in termini di percentuale di risposte obiettive, sia in termini di sopravvivenza globale, associando l'immunoterapia con IL-2 ai vari programmi di chemioterapia, al fine di recuperare il deficit immune sistemico e/o loco-regionale. Esperienze riportate in letteratura meritano considerazione non solo per l'attività biologica riportata, ma soprattutto per i risultati clinici preliminari. Da parte nostra, è iniziata un'esperienza clinica che ha l'obiettivo di verificare ed eventualmente confermare i risultati ottenuti in questi studi. I risultati preliminari sembrano confermare un notevole potenziamento dell'azione dei chemioterapici associando l'immunoterapia a programmi di terapia sistemica, ma soprattutto a programmi loco-regionali.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail