Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2004 October;59(5) > Minerva Chirurgica 2004 October;59(5):501-6

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,877


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Chirurgica 2004 October;59(5):501-6

Copyright © 2004 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Laparoscopic subtotal splenectomy

Petroianu A., Berindoague Neto R.


PDF  


Obiettivo. Il nostro interesse per l'intervento chirurgico di splenectomia subtotale risale al 1979. Questa procedura è stata utilizzata in oltre 180 pazienti per il trattamento del trauma splenico, dell'ipertensione portale, della metaplasia mieloide da mielofibrosi, della malattia di Gaucher, della leucemia linfatica cronica, del ritardo di crescita e di sviluppo sessuale associato alla splenomegalia e delle patologie della coda del pancreas. L'obiettivo del presente studio consiste nella determinazione della fattibilità, dell'efficacia e della sicurezza della splenectomia subtotale per via laparoscopica.
Metodi. È stato condotto uno studio sperimentale in accordo con i principi delle Direttive Internazionali per la Ricerca Biomedica sugli Animali. Quattordici cani meticci di entrambi i sessi sono stati divisi in 2 gruppi (n=7): Gruppo 1 ­ intervento di splenectomia subtotale, con conservazione del polo superiore irrorato dai vasi splenogastrici; la procedura di sezione, emostasi e sutura splenica è stata effettuata per via laparoscopica con una suturatrice chirurgica lineare di 45 mm; Gruppo 2 ­ intervento di splenectomia totale mediante laparotomia mediana. Dopo 3 mesi, tutti gli animali sono stati sottoposti a esami ematologici, immunologici e scintigrafici. Sezioni di tessuto provenienti da milza, fegato e linfonodi residui sono stati sottoposte a indagine istologica.
Risultati. La perdita ematica riscontrata è stata minima e tutti gli animali sono sopravvissuti in corso di intervento e nei 3 mesi di follow-up. Si è verificata una riduzione (p<0,05) nel numero delle piastrine nel Gruppo 1. Le porzioni di tessuto provenienti da milza, fegato e linfonodi residui mostravano un aspetto istologico normale, con un numero aumentato di cellule polimorfonucleate in entrambi i gruppi.
Conclusioni. È possibile eseguire la splenectomia subtotale per via laparoscopica nel cane in totale sicurezza.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail