Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2004 October;59(5) > Minerva Chirurgica 2004 October;59(5):417-26

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,877


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Chirurgica 2004 October;59(5):417-26

lingua: Inglese

A comprehensive review of anti-reflux procedures completed by computer-assisted tele-surgery

Aurora A. R., Talamini M. A.


PDF  


La malattia da reflusso gastroesofageo rappresenta la patologia esofagea di più frequente riscontro. Il trattamento di elezione della malattia da reflusso gastroesofageo è rappresentata dalla terapia farmacologia, tuttavia i pazienti farmacoresistenti oppure refrattari alla terapia medica a lungo termine spesso vengono sottoposti alla chirurgia antireflusso. L'intervento chirurgico per via laparoscopica ha reso il compito del chirurgo più impegnativo dal punto di vista tecnico. La procedura laparoscopica fornisce un campo visivo sufficientemente ampio, tuttavia la percezione della profondità non viene mantenuta. Inoltre, i movimenti degli strumenti sono controintuitivi e consentono gradi di libertà limitati, una ridotta percezione tattile e spostamenti non associati. Attualmente i chirurghi specializzati in chirurgia mini-invasiva hanno affinato le capacità tecniche necessarie al superamento di queste difficoltà, inoltre la tecnologia ha sviluppato un sistema per rendere la chirurgia per via laparoscopica più agevole. Gli ultimi sviluppi nel campo della chirurgia per via laparoscopica sono rappresentati dalla telechirurgia computer-assisitita, che consente al chirurgo di agire nel campo operatorio, mentre si trova seduto a una certa distanza dal paziente. I progressi tecnologici resi possibili dalla telechirurgia computer-assistita semplificano l'intervento chirurgico di tipo mini-invasivo, mediante l'introduzione della visione stereoscopica, che consente la percezione della profondità, e del polso interno, che consente movimenti di destrezza analoghi all'articolazione del polso all'interno della cavità addominale. I vantaggi offerti dalla telechirurgia computer-assistita sono i seguenti: posizione ergonomica per il chirurgo, con significativa diminuzione della fatica; visione stereoscopica con possibilità di ingrandimento x10; destrezza manuale analoga all'articolazione del polso, con motilità di tipo intuitivo; graduazione della motilità ed eliminazione del tremore, con conseguente incremento della precisione e dell'accuratezza dei movimenti. Un piccolo ma crescente numero di evidenze scientifiche suggerisce che l'utilizzo della telechirurgia computer-assistita per la chirurgia antireflusso è equivalente all'attuale gold standard, rappresentato dalla laparoscopia non assistita.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail