Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2004 April;59(2) > Minerva Chirurgica 2004 April;59(2):175-84

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,877


eTOC

 

REVIEW  NEOPLASIE DEL PANCREAS


Minerva Chirurgica 2004 April;59(2):175-84

lingua: Inglese

Postoperative complications of pancreatic cancer surgery

Niedergethmann M., Farag Soliman M. Post S.


PDF  


L'incidenza dell'adenocarcinoma duttale del pancreas nel corso degli ultimi anni è aumentata in tutti i Paesi. Una percentuale compresa tra il 5% e il 25% di tutti i carcinomi del pancreas può essere asportata chirurgicamente; solo i pazienti in cui l'intervento chirurgico ha avuto successo godono di una prognosi favorevole. Tuttavia, anche presso i centri che hanno accumulato una maggiore esperienza in questo tipo di intervento, viene riportato un tasso di mobilità pari al 30-50% e un tasso di mortalità che si avvicina al 5%. Dal momento che la sopravvivenza a lungo termine è rara e le complicanze sono frequenti, la qualità della vita nel corso dei restanti mesi o anni è di fondamentale importanza. Le complicanze più gravi conducono a nuovi interventi chirurgici, a un prolungamento dei giorni di degenza in ospedale, alla sindrome da astenia cronica e a disordini nutrizionali, con la conseguenza di compromettere gravemente la qualità della vita. Pertanto, viene presentata una review circa la prevenzione e il trattamento delle complicanze in seguito a resezione pancreatica.
È possibile prevenire complicanze temibili utilizzando una tecnica chirurgica corretta e ponendo particolare attenzione al tessuto pancreatico residuo nei pazienti affetti da carcinoma del pancreas. L'anasto-mosi termino-laterale e dotto-mucosa rappresenta la tecnica chirurgica di elezione. La terapia della filtrazione pancreatica dovrebbe essere individualizzata e la pancreatectomia dovrebbe rappresentare un'opzione terapeutica solamente per le recidive di emorragia e per la necrosi del moncone pancreatico. Il monitoraggio continuo postoperatorio del paziente riveste una fondamentale importanza, al fine di giungere alla diagnosi di altre gravi complicanze nel tempo, come l'emorragia e la sepsi. Solamente mediante la diagnosi precoce e il trattamento di queste complicanze è possibile migliorare la prognosi e salvare delle vite. La pancreaticoduodenectomia può costituire una procedura sicura, se eseguita presso centri con esperienza, dove l'intera equipe medica è in grado di diagnosticare e trattare queste complicanze in qualunque momento.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail