Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2003 December;58(6) > Minerva Chirurgica 2003 December;58(6):769-76

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,877


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Chirurgica 2003 December;58(6):769-76

lingua: Italiano

Trattamento dell'incontinenza fecale

Romano G., Bianco F., Esposito P.


PDF  


Il trattamento dell'incontinenza fecale include: educazione del paziente, terapia medica, biofeedback ed esercizi sfinterici, terapia chirurgica. Il trattamento conservativo non chirurgico è quasi sempre l'approccio terapeutico iniziale, tranne nei casi in cui sia presente un evidente difetto del muscolo sfinterico. Il trattamento chirurgico ha subito un notevole incremento negli ultimi quindici anni in conseguenza dello sviluppo di sempre più nuove tecniche chirurgiche. Tali tecniche includono: la plastica dello sfintere anale esterno, le plastiche del pavimento pelvico, la neuromodulazione sacrale, le trasposizioni muscolari con o senza elettrostimolazione, lo sfintere anale artificiale. Queste procedure possono essere utilizzate come trattamento di primo o di secondo livello, in funzione del tipo di patologia considerata e della sua eziologia. I primi risultati conseguiti dal trattamento chirurgico autorizzano a ritenere la riconversione con sfintere artificiale una valida alternativa alla gracileplastica, nonostante i costi siano superiori. Importante è un'attenta valutazione preoperatoria dei pazienti, che devono essere fortemente motivati ed abili a gestire la nuova condizione. Sebbene ulteriori studi siano necessari, il grado di soddisfazione dei primi pazienti operati costituisce il maggiore stimolo a proseguire nello sviluppo di tale metodica.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail