Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2003 Agosto;58(4) > Minerva Chirurgica 2003 Agosto;58(4):563-70

ULTIMO FASCICOLOMINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,877


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Chirurgica 2003 Agosto;58(4):563-70

lingua: Italiano

La terapia conservativa del carcinoma intraduttale della mammella

Tersigni R., Mencacci R., Alessandroni L., Baiano G., Mardarella C., Parisi A.


PDF  ESTRATTI


Obiettivo. La terapia chirurgica conservativa del carcinoma intraduttale della mammella è attualmente il trattamento di scelta.
Metodi. Dal 1993 al 2000 46 pazienti (età mediana 52 anni), affette da carcinoma intraduttale della mammella, sono state sottoposte ad intervento chirurgico. In 10 casi (21,7%) si trattava di noduli palpabili, con una dimensione media di 1,3 cm. In 36 casi (78,3%) si trattava di lesioni non palpabili, identificate alla mammografia (26 microcalcificazioni e 10 noduli non palpabili). Tutte le pazienti con lesioni non palpabili sono state trattate chirurgicamente dopo centraggio mammografico stereotassico preoperatorio delle lesioni. Sono state eseguite 15 mastectomie semplici, 11 resezioni ghiandolari senza radioterapia e 20 resezioni ghiandolari seguite da radioterapia. Nessuna paziente è stata sottoposta a dissezione ascellare. La radioterapia è stata somministrata con un boost di 50 Gy sulla mammella.
Risultati. Ad un follow-up mediano di 36 mesi tutte le pazienti sono vive e non sono state osservate recidive locali o metastasi a distanza.
Conclusioni. Il trattamento di scelta è rappresentato dalla escissione locale della neoplasia, associata a radioterapia.

inizio pagina