Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2003 Giugno;58(3) > Minerva Chirurgica 2003 Giugno;58(3):415-20

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,877

 

Minerva Chirurgica 2003 Giugno;58(3):415-20

 CASI CLINICI

Il blastoma bifasico del polmone. Report di 4 casi consecutivi e valutazione della prognosi a distanza

Brega-Massone P. P., Conti B., Lequaglie C., Cataldo I.

Il blastoma primitivo del polmone costituisce ancora oggi un tumore raro e può insorgere in età adulta e pediatrica. Barnard nel 1952 riportò il primo caso di «embrioma polmonare» mentre nel 1961 Spencer descrisse il primo «blastoma polmonare». Circa 200 casi di tale patologia sono stati pubblicati da allora.
Presso il nostro Istituto sono stati trattati per blastoma polmonare 4 pazienti. La localizzazione della malattia è stata in tutti e quattro i soggetti a destra: in 1 nel lobo superiore, in 1 nel medio e negli altri 2 nell'inferiore.
I pazienti sono stati sottoposti a lobectomia media in un caso, a lobectomia inferiore in due e a segmentectomia tipica del lobo superiore in uno (il soggetto operato precedentemente per adenocarcinoma polmonare). L'esame istologico evidenziò la presenza di blastoma bifasico primitivo del polmone in tutti i casi. In un solo soggetto la neoplasia fu associata a metastasi linfonodali ilari. Tale paziente ricevette chemioterapia adiuvante ma dopo 17 mesi sviluppò metastasi a distanza e decedette 22 mesi dopo l'intervento chirurgico. Degli altri tre pazienti: uno morì dopo 6 mesi per IMA mentre due sono, attualmente, viventi e liberi da malattia a 158 e 70 mesi dall'operazione.
La resezione chirurgica, qualora la radicalità sia assicurata, è considerata la terapia di scelta in assenza di ulteriori trattamenti curativi. Dalla nostra esperienza si conferma la chirurgia come trattamento in grado di ottenere sopravvivenze a lungo termine. Il paziente vivo dopo 10 anni costituisce una delle più lunghe sopravvivenze per blastoma polmonare riportate in letteratura.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina