Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2003 Giugno;58(3) > Minerva Chirurgica 2003 Giugno;58(3):399-404

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,877


eTOC

 

CASI CLINICI  


Minerva Chirurgica 2003 Giugno;58(3):399-404

lingua: Italiano

Le pseudocisti del pancreas. Contributo clinico

Basile G., Buffone A., Bonaccorso A., Cicciarella G., Chiarenza S., Cirino E.


PDF  


Scopo del presente studio è stato quello di confrontare, con l'aiuto dei riferimenti bibliografici, le possibili indagini diagnostiche e soprattutto le diverse modalità terapeutiche oggi a disposizione per trattare i pazienti con pseudocisti del pancreas.
Viene riportata l'esperienza riguardante tre pazienti affetti da pseudocisti del pancreas, che in seguito ad un episodio di pancreatite acuta riferivano dolore epigastrico associato a nausea e senso di tensione nei quadranti superiori addominali. La diagnosi è stata ottenuta con la TC.
In un caso si è avuta una progressiva riduzione delle dimensioni della pseudocisti; al secondo paziente è stata praticata una pseudocisto-digiunostomia su ansa a Y; il terzo paziente è stato sottoposto inizialmente a drenaggio percutaneo trans-gastrico per infezione della pseudocisti e successivamente ad intervento di pseudocisto-gastrostomia.
Tutti e tre i pazienti sono guariti, anche se il secondo paziente nel postoperatorio è andato incontro ad un versamento pleurico, poi risoltosi con la toracentesi.
La pseudocisti del pancreas nel 20% dei casi va incontro a regressione spontanea, così come è avvenuto in uno dei nostri pazienti. Nei restanti casi è necessario un intervento chirurgico, oggi attuabile per via endoscopica, percutanea, laparotomica o laparoscopica. L'approccio endoscopico e percutaneo sono applicabili solo in casi selezionati, per cui il trattamento ''gold standard'' risulta essere ancora quello laparotomico, in particolare con l'intervento di cisto-digiunostomia che anche nella nostra esperienza ha permesso di ottenere un ottimo risultato. Infine, molto promettente, a giudicare dai primi riscontri in letteratura, sembra l'approccio laparoscopico, attraverso il quale si ottiene un'ampia comunicazione tra lo stomaco e la pseudocisti.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail