Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2003 Giugno;58(3) > Minerva Chirurgica 2003 Giugno;58(3):331-4

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,877


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Chirurgica 2003 Giugno;58(3):331-4

lingua: Italiano

Ernioplastica inguinale tension-free praticata in regime di Day Surgery in un ospedale non dedicato

Salamina G., Agostini M., Venturi M., Pericolo T., Valenghi D., Boccasanta P.


PDF  


Obiettivo. Con la recente introduzione del sistema del DRG e, soprattutto, con l'avvento dei materiali protesici, che hanno rivoluzionato la chirurgia dell'ernia inguinale, vi è ormai un consenso generale nel ritenere che il trattamento di prima scelta di tale patologia dovrebbe essere l'ernioplastica in regime di Day Hospital. Tuttavia la one Day Surgery necessita della organizzazione sia della struttura ospedaliera sia dell'assistenza territoriale al paziente dimesso, attualmente non ancora diffusi a tutto il territorio nazionale. Scopo del presente studio è presentare i risultati del trattamento dell'ernia inguinale in Day Surgery in una struttura chirurgica non dedicata.
Materiali e metodi. Nel periodo compreso tra aprile 1999 e aprile 2000, 28 pazienti (25 M), di età media di 54 anni (intervallo 25-85), affetti da ernia inguinale, sono stati sottoposti ad intervento di ernioplastica secondo Trabucco, da parte di un unico chirurgo esperto, in un ospedale non specializzato. Cinque pazienti erano affetti da ernia inguinale di tipo I di Nyhus, 9 di tipo II, 10 di tipo IIIa e 4 di tipo IIIb. Venticinque pazienti sono stati sottoposti ad anestesia spinale e 3 ad anestesia generale, o per fallimento della precedente o per controindicazioni riguardanti patologie della colonna o per volontà del paziente. I pazienti sono stati trattenuti in ospedale la notte del giorno dell'intervento. Dopo la dimissione i pazienti sono stati controllati ambulatorialmente a giorni alterni per 10 giorni. Successivamente sono stati contattati telefonicamente e sottoposti a esame clinico solo se sintomatici. La durata media del follow-up è attualmente di 18,1±6,3 mesi.
Risultati. Abbiamo avuto le seguenti complicanze aspecifiche prevalentemente dovute all'anestesia spinale: 2 (7,1%) casi di ritenzione urinaria acuta, 1 (3,5%) di cefalea, 1 (3,6%) caso di ipotensione acuta, 2 (7,1%) febbricole, 1 (3,6%) vomito, 1 (3,6%) sindrome influenzale. Le complicanze specifiche sono state: 2 (7,1%) nevralgie transitorie, 2 (7,1%) ecchimosi, 1 (3,6%) suppurazione della ferita. L'intensità media del dolore postoperatorio (VAS) è stata di 2,8±1,2. La ripresa dell'attività lavorativa è avvenuta mediamente in 12,5 giorni. A tutt'oggi non abbiamo avuto recidive.
Conclusioni. Nonostante la limitata casistica i nostri risultati sono simili a quelli degli ospedali specializzati, organizzati per la one Day Surgery. Tuttavia, nelle strutture non dedicate, a nostro parere, è importante trattenere il paziente in ospedale la notte dell'intervento per una maggiore tranquillità del paziente stesso e di conseguenza anche del chirurgo, a fronte di un identico rimborso DRG.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail