Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2003 Febbraio;58(1) > Minerva Chirurgica 2003 Febbraio;58(1):17-22

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,877

 

Minerva Chirurgica 2003 Febbraio;58(1):17-22

 REVIEW

Fattori predisponenti l'adenocarcinoma del cardias

Tosato F., Carnevale L., Corsini F., Marano S., Palermo S., Piraino A., Leonardo G., Monsellato I., Paolini A.

Gli Autori dopo un'attenta revisione della letteratura e della loro esperienza di scuola analizzano i fattori che oggi influenzano lo sviluppo di un adenocarcinoma della zona di giunzione esofago-gastrica e quali sono oggi le nuove strategie terapeutiche viste le nuove acquisizioni in materia anatomo-fisiologica di tale regione. Da questa analisi gli Autori rilevano un incremento dell'adenocarcinoma del versante gastrico del cardias rapportato al carcinoma gastrico in toto e partendo dagli studi di Barrett, Hayward, Riedel e Ruol e dalla loro esperienza di scuola individuano come fattore casuale fondamentale per lo sviluppo dell'adenocarcinoma del cardias il reflusso gastro-esofageo e il progressivo sviluppo da lesioni istologiche precancerose (MI) fino a diversi gradi di displasia. La prevenzione dell'adenocarcinoma cardiale è legata all'interruzione del processo evolutivo della metaplasia intestinale tramite l'associazione della mucosectomia endoscopica e la terapia chirurgica con fundusplicatio anti-reflusso o in alcuni casi terapia medica con alti dosaggi di inibitori di pompa protonica.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina