Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2002 December;57(6) > Minerva Chirurgica 2002 December;57(6):837-45

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,877


eTOC

 

REVIEW  MALATTIE DELL'ESOFAGO


Minerva Chirurgica 2002 December;57(6):837-45

Copyright © 2002 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Role of FDG-PET scan in staging of cancer of the esophagus and gastroesophageal junction

Lerut T., Flamen P.


PDF  


Obiettivo. La scansione FDG-PET ha suscitato negli ultimi anni un crescente interesse nell'ambito della stadiazione e della valutazione della risposta al trattamento dei pazienti oncologici.
Metodi. Dalla letteratura a disposizione e dai propri dati emerge che la scansione FDG-PET migliora significativamente le possibilità di individuare metastasi linfonodali e a distanza nel carcinoma dell'esofago e del giunto esofago-gastrico. In particolare, con la scansione FDG-PET risulta estremamente aumentata la specificità diagnostica del coinvolgimento linfonodale. La scansione FDG-PET permette anche di effettuare una diagnosi ad alta sensibilità delle recidive, in virtù della sua capacità di stadiazione estesa a tutto il corpo. Nel valutare la risposta alla chemioterapia e alla radioterapia, la scansione FDG-PET si rivela estremamente utile in termini di capacità predittiva.
Risultati. Sembra esserci un'elevata correlazione tra la scansione FDG-PET e la sopravvivenza del paziente.
Conclusioni. È possibile concludere che, malgrado il costo elevato, la scansione FDG-PET meriterebbe una collocazione nell'algoritmo di stadiazione iniziale, in quello di stadiazione delle recidive e in quello di valutazione della risposta al trattamento nel carcinoma dell'esofago e del giunto esofago-gastrico.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail