Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2002 Agosto;57(4) > Minerva Chirurgica 2002 Agosto;57(4):531-6

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,877

 

Minerva Chirurgica 2002 Agosto;57(4):531-6

 NOTE DI TECNICA

Trapianto d'intestino nel ratto. Tecnica chirurgica

Sommariva A., Vennarecci G., Feo C. F., Bakonyi Neto A.

Il trapianto d'intestino (TI) è una sfida ancora aperta nella chirurgia dei trapianti. Problemi di ordine immunologico lo rendono una tecnica, ancora, non del tutto affidabile per pazienti con un'insufficienza intestinale cronica irreversibile e comunque riservata a tutt'oggi solo per quelli che presentano complicanze potenzialmente letali della nutrizione parenterale totale (NPT). L'introduzione di nuovi protocolli di immunosoppressione hanno portato ad un notevole miglioramento dei risultati negli ultimi anni, ma la ricerca di nuovi regimi di prevenzione del rigetto è tutt'ora in corso. Il ratto costituisce per gli studi sul TI un modello insostituibile. La semplicità della tecnica e l'utilizzo di ceppi inbred permette di studiare efficacemente il rigetto e la graft versus host disease (GVHD). Qui presentiamo la tecnica del TI nel ratto corredata da una serie di immagini molto didattica ed esplicativa.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina