Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2002 Agosto;57(4) > Minerva Chirurgica 2002 Agosto;57(4):495-502

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,877

 

Minerva Chirurgica 2002 Agosto;57(4):495-502

 ARTICOLI ORIGINALI

Office surgery. Esperienza clinica personale

Pepe N. R., Mancini E., Lupi M.

Obiettivo. Gli Autori espongono una metodologia che nell'ultimo decennio ha avuto un notevole sviluppo: la Office Surgery, branca della chirurgia ambulatoriale adattata a studi medici privati con le medesime caratteristiche di un'unità operativa di Day-Surgery ospedaliera caratterizzata dal ricovero diurno. L'obiettivo dello studio è quelli di esaminare i costi-benefici di tale metodica, comparata con i risultati internazionali.
Metodi. Viene descritta la struttura di OS con i requisiti specifici ideali e necessari alla certicazione igienico-sanitaria con attenzione particolare alle caratteristiche strutturali in rapporto alla legislazione relativa ed alla funzionalità ottimale.
L'esperienza clinica personale si basa su una casistica di 1771 casi sottoposti ad intervento chirurgico in una struttura suddetta. L'indagine condotta dagli Autori ha lo scopo di confrontare i risultati con la letteratura mondiale. Il tipo di chirurgia eseguita è stata per lo più estetico-ricostruttiva, laserchirurgia, urologia minore e chirurgia flebologica.
Risultati. I risultati sono stati confrontati con un attento follow-up che ha fornito 65 casi di complicanze pari al 3,6% dei casi trattati grazie anche ad un attento criterio di selezione dei pazienti nel quale sono stati inclusi vari parametri clinici di valutazione ed una dimissione prudente, seguita a distanza dal Sanitario.
Conclusioni. In conclusione, si può affermare, sulla base dei risultati ottenuti, che questa disciplina ha mostrato interesse sul piano del grading da parte del paziente, contenimento dei costi ed indice di morbilità e mortalità sebbene confinata ad atti chirurgici di breve durata con anestesia locale o sedazione, basso rischio settico ed emorragico.
Permangono, tuttavia, numerose perplessità circa la legislazione circostante questa metodica ed un giusto riconoscimento sul piano clinico-assistenziale ed assicurativo-previdenziale per il paziente e per il medico operatore.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina