Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2002 June;57(3) > Minerva Chirurgica 2002 June;57(3):357-62

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,877


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  XV CONGRESSO NAZIONALE DELLA SOCIETÀ POLISPECIALISTICA DEI GIOVANI CHIRURGHI
ORIGINAL ARTICLES


Minerva Chirurgica 2002 June;57(3):357-62

lingua: Inglese, Italiano

La perforazione del retto. Nostra esperienza e revisione della letteratura

Di Venere B., Testini M., Miniello S., Piccinni G., Lissidini G., Carbone F., Bonomo G. M.


PDF  


Obiettivo. Le perforazioni del retto ovvero dell'ultimo tratto del canale intestinale, sono gravate da un elevato tasso di morbilità e mortalità, e il loro trattamento sembra essere non ancora standardizzato. Questo studio clinico retrospettivo intende caratterizzare queste lesioni, le opportune metodiche diagnostiche che ne consentono una rapida individuazione e un precoce trattamento e, attraverso la revisione della Letteratura, cercare di definire le opzioni di trattamento in grado di ridurre morbilità e mortalità.
Metodi. Su 1175 interventi chirurgici effettuati in regime di urgenza per patologia colo-rettale nel nostro istituto negli ultimi 10 anni, in 14 casi (1,2%) è stata individuata e trattata una perforazione del retto o della giunzione retto-sigma. Nel 43% dei casi il trattamento di scelta è stato l'intervento di Hartmann, nel 28,5% la sutura diretta della perforazione con colostomia di protezione; infine nel restante 28,5% dei casi si è preferito optare per una colostomia escludente.
Risultati. Non ci sono state complicazioni nel post-operatorio nel 86% dei pazienti. La ricanalizzazione è stata effettuata nel 28,5% dei pazienti. La mortalità peri-operatoria legata a sepsi in questo gruppo di pazienti è stata nulla.
Conclusioni. I nostri risultati dimostrano che l' utilizzo di un protocollo standardizzato, per determinare la tecnica chirurgica più idonea al trattamento, basato sulle condizioni cliniche del paziente, il tipo e il grado di lesione del retto e l'entità della peritonite, ha consentito una bassa incidenza di complicazioni e giustifica l'assenza di mortalità nel gruppo di pazienti osservati.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail