Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2002 Aprile;57(2) > Minerva Chirurgica 2002 Aprile;57(2):217-20

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,877

 

Minerva Chirurgica 2002 Aprile;57(2):217-20

 CASI CLINICI

Linfoma non-Hodgkin primitivo del colon: una rara, ma possibile localizzazione. Iter terapeutico. Descrizione di un caso clinico e revisione della letteratura

Genovese A. M., Fedele F., Barbera A., Fonti M. T., Rossitto M., De Jesi F., Ciccolo A.

Gli Autori, prendendo spunto da un caso di linfoma colico non-Hodgkin ad alto grado di malignità e a grandi cellule, descrivono le peculiari caratteristiche di questa rara localizzazione della neoplasia; vengono quindi presi in considerazione gli aspetti generali di questa patologia neoplastica, rara del tratto colico1.
Il caso clinico è relativo ad un linfoma non-Hodgkin ad alto grado di malignità e a grandi cellule, localizzato al ceco e ai due terzi prossimali del colon ascendente di cui ne occupa la metà del suo lume. Il paziente giungeva alla nostra osservazione per una sintomatologia del tutto aspecifica, caratterizzata da turbe digestive e tendenza alla stipsi.
Il trattamento chirurgico viene considerato dagli Autori, in disaccordo con alcuni dati della Lettera-tura, il punto centrale dell'iter terapeutico. L'exeresi chirurgica deve essere il più radicale possibile per permettere alle terapie complementari (chemioterapia e radioterapia) di agire con il massimo dell'efficacia ed offrire quindi al paziente una vita migliore.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina