Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2002 Febbraio;57(1) > Minerva Chirurgica 2002 Febbraio;57(1):35-40

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,877


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Chirurgica 2002 Febbraio;57(1):35-40

lingua: Italiano

Contenuto delle citochine IL-1b, IL-6 e IL-8 su prelievi bioptici di colite di Crohn. Considerazioni fisiopatologiche sull'estensione panintestinale della malattia

Marongiu L., Scintu F., Melis M. V., Pisano M., Zorcolo L., Capra F., Casula G.


PDF  


Obiettivo. Nei pazienti affetti da colite di Crohn, le concentrazioni di molte citochine pro e anti-infiammatorie nei prelievi bioptici di mucosa intestinale risultano elevate, ma non risulta a tutt'oggi chiaro il reale significato fisiopatologico dell'aumento di tali sostanze. Nel presente studio vengono presentati i risultati del dosaggio delle citochine IL-1b, 6 e 8 in segmenti malati e in segmenti apparentemente sani di mucosa colica.
Metodi. Il lavoro è stato effettuato su 5 pazienti affetti da colite di Crohn in fase attiva e su 5 controlli sani; l'istologia ha confermato la presenza di malattia. I dosaggi delle citochine sui prelievi bioptici sono stati effettuati mediante metodica immuno-enzimatica (ELISA).
Risultati. Le concentrazioni di IL-1b e IL-8 si sono rilevate maggiori nei pazienti affetti da colite di Crohn rispetto ai controlli; inoltre nei primi, le concentrazioni sono risultate più elevate nei segmenti di colon non affetti macro e microscopicamente da malattia.
Conclusioni. I nostri risultati confermano quelli precedenti di altri Autori, secondo cui, sebbene la colite di Crohn si presenti come una malattia segmentaria, le concentrazioni delle citochine sarebbero aumentate nell'intero colon. Nel nostro studio inoltre le concentrazioni di IL-1b e IL-8 sono state maggiori nei segmenti indenni rispetto a quelli malati. Questi risultati supportano l'ipotesi di un coinvolgimento pancolico della malattia, nonostante l'apparente segmentarietà, e che tratti non coinvolti, macroscopicamente e istologicamente, non possano per questo essere considerati come sicuramente liberi da malattia.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail