Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2001 December;56(6) > Minerva Chirurgica 2001 December;56(6):561-6

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,877


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Chirurgica 2001 December;56(6):561-6

lingua: Italiano

Il dolore postoperatorio nell¹ernioplastica inguinale protesica (Fattori predittivi e impatto sulla convalescenza)

Garavello A., Manfroni S., Antonellis D.


PDF  


Obiettivo. Le ernioplastiche «tension free» consentono oggi di trattare in anestesia locale ed in regime di day hospital la maggior parte delle ernie inguinali; tuttavia il dolore postoperatorio può incidere sia sulla durata della convalescenza che sulla ripresa lavorativa, annullando talvolta i benefici del day hospital.
Metodi. Al fine di valutare l'incidenza ed i fattori predisponenti al dolore postoperatorio abbiamo preso in considerazione 100 pazienti (96 uomini e 4 donne, età minima 16 anni, massima 91 anni, media 53) sottoposti ad ernioplastica inguinale «tension free» in anestesia locale presso la nostra Divisione di Chirurgia Generale, nel periodo gennaio 1999 - gennaio 2000.
Risultati. Un risultato ottimo-buono è stato ottenuto nell'83% dei casi per il comfort intraoperatorio, nel 91% per il comfort postoperatorio, nell'86% per la ripresa della deambulazione e nel 93% per la deambulazione nel corso della I settimana. L'intensità del dolore nelle prime 24 ore si è correlata al comfort intraoperatorio, mentre una difficile deambulazione postoperatoria è stata predittiva per una difficile deambulazione nella settimana seguente l'intervento.
Conclusioni. L'ernioplastica «tensione free» consente un buon recupero del paziente alle normali attività quotidiane già dopo 1 settimana di convalescenza; una sempre migliore selezione dei pazienti e una più efficace terapia antalgica postoperatoria nei soggetti «a rischio» potranno ulteriormente migliorarne i risultati.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail