Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2001 August;56(4) > Minerva Chirurgica 2001 August;56(4):413-20

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,877


eTOC

 

CASI CLINICI  


Minerva Chirurgica 2001 August;56(4):413-20

lingua: Italiano

Il carcinoma pancreatico solidi-cistico-papillare di Frantz

Berretta S., Barbagallo E., D'Agata A., Berretta M.


PDF  


Gli Autori riportano un caso osservato relativo ad una giovane donna di recente operata per una rara forma di tumore pancreatico d'origine esocrina, c.d. «carcinoma solido-cistico-papillare di Frantz», di cui ne sono stati descritti in Letteratura poco più di 300 casi. Gli Autori discutono sulle caratteristiche patogenetiche del tumore (possibile una correlazione con gli ormoni femminili che potrebbero giocare un ruolo sulla crescita del tumore piuttosto che sulla genesi), sugli aspetti clinici (la modalità di presentazione non è specifica e a dispetto della moderna diagnostica per immagini, la diagnosi preoperatoria è spesso difficile e questo inusuale tumore va preso in considerazione nella diagnosi differenziale delle masse addominali voluminose in specie se riscontrate in giovani donne), istologici, radiologici e chirurgici. Il trattamento consigliato, considerata la bassa malignità del tumore e la prognosi globale buona, deve essere il più conservativo possibile, pur sempre nel rispetto della radicalità oncologica, sicché ogni sforzo deve essere fatto per l'escissione completa dato che la curabilità mediante chirurgia è alta mentre la radio-chemio-terapia sono di scarsa efficacia nella cura di questa neoplasia. Considerata la possibilità di ricrescita locale del tumore, è d'obbligo un follow-up prolungato nel tempo.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail