Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2001 August;56(4) > Minerva Chirurgica 2001 August;56(4):345-50

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,115


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Chirurgica 2001 August;56(4):345-50

Copyright © 2001 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Il bypass bilio-intestinale nel trattamento dell’obesità grave. Nostra esperienza su 23 pazienti

Galati G., Izzo L., Binda B., De Cesare A., Fiori E., Bononi M., Masoni L., Badiali M.


PDF  


Obiettivo. Lo scopo di questo studio è stato quello di determinare l'efficacia e la sicurezza dell'intervento di bypass bilio-intestinale in soggetti affetti da obesità grave (Body Mass Index > 35).
Metodi. Da gennaio a dicembre 1999, 23 pazienti (8 uomini e 15 donne; età media 36,6 anni: range 20-51) affetti da obesità essenziale grave (BMI >40: range 40,1-64,7), per i quali la terapia medica conservativa si era mostrata inefficace, hanno subito un intervento di bypass bilio-intestinale.
In seguito all'operazione tutti i pazienti sono stati sottoposti a follow-up per 12 mesi.
Risultati. L'Indice di Massa Corporea medio si è ridotto a 36,9 (range 27,7-44,1) dopo 6 mesi e a 33 (range 24,9-40,1) dopo 12 mesi.
La mortalità peri e postoperatoria è stata nulla.
L'eccesso di malassorbimento è stato controllato efficacemente con una adeguata terapia sostitutiva. La diarrea, complicanza di ogni intervento malassorbitivo, è stata ridotta a 2-3 evacuazioni al giorno in 2-3 mesi.
Conclusioni. La nostra esperienza conferma che il bypass bilio-intestinale, come trattamento della obesità grave refrattaria a terapia medica, è un intervento sicuro ed efficace (riduzione fino all'80% dell'eccesso ponderale); la presenza dell'anastomosi bilio-intestinale riduce la perdita postoperatoria di acidi biliari, la diarrea e gli squilibri idroelettrolitici.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail