Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2001 Giugno;56(3) > Minerva Chirurgica 2001 Giugno;56(3):299-302

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,877


eTOC

 

CASI CLINICI  


Minerva Chirurgica 2001 Giugno;56(3):299-302

lingua: Italiano

Ritardo diagnostico delle rotture post-traumatiche del diaframma. Descrizione di un caso clinico

Mercadante E., De Giacomo T., Rendina E. A., Venuta F., Moretti M., Aratari M. T., Coloni F. G.


PDF  


Le rotture post-traumatiche del diaframma sono spesso conseguenza di violenti traumi chiusi toracici e/o addominali tipici dell'incidentistica stradale. La successiva erniazione dei visceri addominali nel torace può verificarsi acutamente o può costituire talvolta un evento tardivo. In altri casi, la presenza di lesioni associate può costituire una priorità diagnostica e terapeutica tanto da sottovalutare o più frequentemente misconoscere la diagnosi di ernia diaframmatica. In questi casi la diagnosi verrà posta solo con il sopraggiungere delle complicanze a lungo termine. Il periodo di latenza tra il trauma e la diagnosi di ernia diaframmatica può essere invariabilmente lungo. Viene descritto in questo contesto il caso di un'ernia diaframmatica diagnosticata 26 anni dopo un trauma della strada. In questi casi, indipendentemente dal periodo di latenza, l'intervento chirurgico costituisce sempre il trattamento di scelta, in grado di garantire una restitutio ad integrum anatomica e funzionale ed una riduzione della morbilità a lungo termine.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail