Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2001 Aprile;56(2) > Minerva Chirurgica 2001 Aprile;56(2):193-8

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,877


eTOC

 

NOTE DI TECNICA  


Minerva Chirurgica 2001 Aprile;56(2):193-8

lingua: Italiano

Denervazione simpatica mini-invasiva degli arti superiori (Nuova metodica)

Raposio E., Filippi F., Renzi M., Caregnato P., Capello C., Santi P. L.


PDF  


Obiettivo. Le indicazioni per la simpaticotomia dorsale alta per via endoscopica trans-toracica sono l'iperidrosi ascellare e palmare, l'ischemia degli arti superiori (dovuta ad esempio alla malattia di Raynaud) e la causalgia degli arti superiori.
Metodi. Attualmente tale metodologia prevede l'introduzione di almeno 2 trocar per lato e l'insufflazione di CO2. Pertanto, sebbene questo approccio, paragonato alle tradizionali tecniche di simpaticotomia a cielo aperto, garantisca un minor numero di complicanze postoperatorie, esso determina ancora un discreto numero di complicanze come ad esempio il rischio di inconvenienti relativi all'insufflazione di CO2, la profonda bradicardia intraoperatoria e l'ipotensione dovute allo spostamento mediastinico e l'enfisema sottocutaneo postoperatorio. Dal dicembre 1995 stiamo usando una tecnica di simpaticotomia trans-toracica endoscopica mini-invasiva, che prevede l'introduzione di un toracoscopio opportunamente modificato attraverso un singolo foro di entrata e senza la necessità di insufflare CO2, con lo scopo di ridurre gli inconvenienti associati alla tecnica endoscopica sopra menzionata. Dopo anestesia generale con tubo a doppio lume endotracheale con il paziente in posizione semiseduta, con entrambi gli arti superiori abdotti di 90 gradi, viene eseguita una incisione lungo la linea emiclaveare o la linea ascellare anteriore, a livello del secondo o terzo spazio intercostale.
Risultati. Gli effetti della simpaticotomia sono immediati, poiché il paziente si sveglia con le mani e le ascelle calde ed asciutte.
Conclusioni. A nostro parere questa tecnica a singola entrata, paragonata agli altri approcci riportati, potrebbe teoricamente minimizzare ogni danno al fascio neurovascolare intercostale e nel contempo aggirare completamente le complicanze legate all'impiego dell'insufflazione di CO2.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail