Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2001 Aprile;56(2) > Minerva Chirurgica 2001 Aprile;56(2):161-8

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,877

 

Minerva Chirurgica 2001 Aprile;56(2):161-8

 CASI CLINICI

Presentazione di un caso di pneumotorace a contemporanea insorgenza bilaterale

Paolini A., Caminiti F., Tosato F., Ruggieri M., Paolini G., Carnevale L., Corsini F., Marano S., Monsellato I.

Gli Autori presentano il caso clinico di un paziente di 44 anni, affetto da grave insufficienza respiratoria per pneumotorace spontaneo a contemporanea insorgenza bilaterale, comparso in I giornata postoperatoria dopo intervento per ernia discale, già affetto da pneumotorace destro a 32 anni e sinistro a 37 anni. Il paziente veniva sottoposto inizialmente a posizionamento di tubo di drenaggio pleurico bilaterale; ottenendo così la riespansione del solo polmone destro; per questo si procedeva a toracotomia posterolaterale con resezione delle bolle e pleurectomia sinistra. Il paziente veniva dimesso in VII giornata con risoluzione pressoché totale del pneumotorace bilateralmente. Dopo alcuni mesi, si verificava un nuovo episodio di pneumotorace destro, trattato con toracotomia posterolaterale destra, resezione bolle e pleurectomia con buon decorso postoperatorio.
Alla luce del caso presentato gli Autori prendono in considerazione le diverse possibilità di trattamento del pneumotorace spontaneo attualmente proposte.
Il trattamento del pneumotorace è oggetto di controversie riguardo l'utilizzo di tecniche più o meno invasive.
L'intervento chirurgico è indicato in caso di prolungata persistenza del pneumotorace nonostante il drenaggio pleurico, in caso di pneumotorace recidivo, di pneumotorace ad insorgenza bilaterale, ed in caso di pneumotorace in soggetti ad alto rischio.
Anche se la tecnica toracoscopica sembra dare migliori risultati in termine di controllo del dolore nel postoperatorio, non sempre permette l'esecuzione di un intervento completo con una estesa pleurectomia né è possibile eseguirla in tutti i casi. È necessario quindi valutare attentamente in ogni singolo caso la giusta opportunità terapeutica tra le diverse metodiche che l'esperienza e la tecnologia attualmente offrono.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina