Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2001 April;56(2) > Minerva Chirurgica 2001 April;56(2):153-60

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,877


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Chirurgica 2001 April;56(2):153-60

lingua: Italiano

Immunomorfologia linfonodale e prognosi nel cancro del polmone

Di Giorgio A., Sammartino P., Canavese A., Arnone P., Sibio S., Accarpio F., Al Mansour M.


PDF  


Obiettivo. Il nostro studio si propone di verificare il valore prognostico delle variazioni immunomorfologiche a livello dei linfonodi locoregionali in pazienti trattati chirurgicamente per carcinoma broncogeno.
Metodi. Lo studio è stato condotto su 172 pazienti sottoposti a chirurgia di exeresi per cancro del polmone e a follow-up noto. La morfologia linfonodale è stata classificata in base ai criteri di Cottier et al. l'istiocitosi dei seni (SH) e l'iperplasia dell'area paracorticale (PCA) sono state valutate quali indici di risposta cellulare, mentre l'iperplasia follicolare corticale (CA) quale espressione di risposta umorale. La sopravvivenza è stata analizzata mediante il metodo del prodotto limite di Kaplan Meier. Il Log Rank test ed il modello a rischio di Cox sono stati usati per analizzare la significatività statistica nelle analisi di sopravvivenza rispettivamente univariate e multivariate.
Risultati. Il 35,5% dei casi ha dimostrato scarsa o assente risposta immunitaria, il 19,8% ha dimostrato una reattività di tipo prevalentemente cellulare, l'11% una risposta di tipo prevalentemente umorale e il 33,7% una risposta mista cellulare-umorale. La sopravvivenza a distanza è risultata correlata significativamente ad una risposta di tipo prevalentemente cellulare anche nei pazienti con metastasi linfonodali locoregionali. L'analisi multivariata ha dimostrato che la risposta immunitaria linfonodale è una variabile indipendente di elevato significato prognostico.
Conclusioni. La reattività immunitaria dei linfonodi locoregionali è risultata una variabile indipendente in grado di influenzare significativamente la sopravvivenza a lungo termine dopo chirurgia di exeresi per cancro del polmone e utile nella stratificazione dei pazienti in trials prospettici di trattamenti adiuvanti includenti l'immunoterapia.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail