Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2000 December;55(12) > Minerva Chirurgica 2000 December;55(12):873-80

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,877


eTOC

 

CASI CLINICI  


Minerva Chirurgica 2000 December;55(12):873-80

Copyright © 2000 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

La sindrome di Boerhaave (Descrizione di un caso e revisione della Letteratura)

Soldati G., Di Piero A., Bassani L., Di Vito A., Rossi M.


PDF  


La rottura spontanea dell'esofago (sindrome di Boerhaave) rappresenta un problema diagnostico e terapeutico difficile, con controverse opzioni terapeutiche. Le sue manifestazioni cliniche sono variabili e fuorvianti, e possono in tal modo ritardare il riconoscimento della patologia. D'altro lato, a causa della rapida insorgenza di complicazioni severe, specialmente della mediastinite, è essenziale, ai fini prognostici e per la semplificazione degli atti operatori, ottenere una pronta diagnosi. Gli AA presentano un caso di rottura spontanea dell'esofago toracico con fistolizzazione nel cavo pleurico sinistro, trattato entro 4 ore dall'accesso in Sala di Emergenza con una riparazione minima della lesione. Nonostante reperti radiografici toracici negativi, la TC toracica ha mostrato un piccolo versamento pleurico destro ed un chiaro idropneumotorace sinistro. La diagnosi definitiva è stata posta attraverso lo studio contrastografico dell'esofago con mezzo idrosolubile che ha delineato la lesione e la comunicazione pleurica sinistra. Il paziente è stato quindi sottoposto a toracotomia sinistra e la lesione suturata primariamente senza impiego di lembi di rinforzo. Il cavo pleurico è stato infine drenato mediante un unico tubo toracostomico. Il decorso postoperatorio è stato regolare. L'analisi di questo caso, assieme alla revisione della letteratura recente esistente, induce a concludere che la prognosi severa di questa patologia è principalmente correlata col ritardo che intercorre tra perforazione e atto chirurgico. Perciò gli AA sottolineano l'importanza di un intervento precoce in quanto ogni lesione trattata al di la di 24 ore dall'inizio dei sintomi è gravata da una morbilità e una mortalità significativamente elevata, indipendentemente dalla tecnica chirurgica usata.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail