Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2000 December;55(12) > Minerva Chirurgica 2000 December;55(12):861-8

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,877


eTOC

 

CASI CLINICI  


Minerva Chirurgica 2000 December;55(12):861-8

lingua: Italiano

Trauma toracico chiuso (Considerazioni sul trattamento chirurgico del volet costale)

Bianchi M., Cataldi M.


PDF  


Gli Autori descrivono 2 casi di trauma toracico chiuso con associato volet costale. Da ciò prendono spunto per discutere le procedure terapeutiche richieste nel trattamento del volet costale, focalizzandosi prevalentemente sulle indicazioni e le tecniche chirurgiche. Nel trattamento del volet costale si richiede non tanto la ricostituzione di una integrità morfologica e strutturale, quanto il recupero della fisiologica dinamica ventilatoria. Sempre più importante è diventato il ruolo svolto dai metodi di assistenza respiratoria nelle Unità di Terapia Intensiva, anche se la respirazione controllata automatica spesso richiede tempi lunghi e talvolta non è esente da complicazioni. L'osteosintesi chirurgica rappresenta in teoria la soluzione ideale: tuttavia l'indicazione assoluta è presente solo quando per cause intratoraciche (emorragia massiva, lesioni polmonari o bronchiali) vi è già l'indicazione alla toracotomia: in questo caso chiudendo il torace si deve procedere all'osteosintesi di consolidamento della parete. Più frequentemente l'indicazione si presenta relativa quando in un paziente avviato alla ventilazione meccanica si ritiene indispensabile autonomizzare la respirazione in tempi brevi o a seguito di complicanze sopraggiunte (disadattamento alla ventilazione automatica, squilibri metabolici, infezioni broncopolmonari, danni da intubazione). In questi casi è consigliabile eseguire l'intervento chirurgico non oltre il V-VI giorno dal trauma. I presidi utilizzati per l'osteosintesi sono dei più vari: attualmente il maggior successo è riscosso dai metodi di infibulazione con fili di Kirschner o con l'utilizzo di placche metalliche provviste di ganci laterali per l'ancoraggio al margine superiore ed inferiore delle coste. In alcuni casi, se la perdita di sostanza è stata di notevole entità, si può anche ricorrere all'uso di reti sintetiche.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail