Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2000 December;55(12) > Minerva Chirurgica 2000 December;55(12):817-22

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,877


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Chirurgica 2000 December;55(12):817-22

Copyright © 2000 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Carcinoma della colecisti e colecistectomia laparoscopica (Un problema emergente)

Romano F., Franciosi C., Caprotti R., Conti M., Musco F., Visintini G., Motta V., Uggeri F.


PDF  


Obiettivo. Il tumore della colecisti viene diagnosticato dopo colecistectomia in circa l'1,5-3% dei casi. Dall'introduzione nella pratica chirurgica della colecistectomia laparoscopica (VLC) il numero di colecistectomie eseguite è andato aumentando e con esse i tumori incidentali della colecisti.
Metodi. Abbiamo condotto uno studio retrospettivo su di una serie di 1200 VLC eseguite presso la nostra Divisione fra il Gennaio 1991 ed il Dicembre 1998, per valutare il reale incremento di incidenza del cancro della colecisti, ed inoltre per identificare eventuali fattori di rischio e le possibilità di trattamento, in caso di carcinoma scoperto occasionalmente dopo VLC. Su 1200 VLC abbiamo riscontrato 7 adenocarcinomi della colecisti (0,6%) non diagnosticati preoperatoriamente (0,3% nelle colecistectomie a cielo aperto). Il decorso clinico è dipeso dallo stadio della malattia.
Risultati. Dopo un follow-up mediano di 18 mesi (intervallo 12-48), 2 pazienti in stadio pT1 sono vivi e liberi da malattia, 2 pazienti pT2 sono vivi senza recidiva (in un caso è stata asportata una metastasi periombelicale 6 mesi dopo la VLC). I restanti 3 pazienti sono deceduti, in 2 casi (1 pT2 ed 1 pT3) dopo una resezione epatica con linfoadenectomia), a causa di una disseminazione intraperitoneale diffusa. In 2 pazienti abbiamo trovato, pre ed intraoperatoriamente, una lesione polipoide della colecisti, rivelatasi un adenocarcinoma all'esame istologico.
Conclusioni. Il tumore misconosciuto della colecisti ha un'incidenza in aumento con l'avvento della VLC. La presenza di lesioni polipoidi della colecisti, l'età >70 anni, una lunga storia di calcolosi ed una colecisti a pareti ispessite, sono dei fattori di rischio per la presenza di un tumore. Se uno o più di essi è presente, è raccomandato un esame della colecisti ed una istologia estemporanea al momento dell'atto chirurgico.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail