Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2000 October;55(10) > Minerva Chirurgica 2000 October;55(10):681-6

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,877


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Chirurgica 2000 October;55(10):681-6

lingua: Italiano

La chirurgia dell'ernia inguino-crurale in regime di ricovero breve

Vasquez G., Zandi G., Ortolani M., Feo C. V., Bertasi M., Zamboni P., Liboni A.


PDF  


Obiettivo. Valutazione della durata del ricovero, morbilità ed accettazione da parte del paziente della chirurgia dell'ernia inguino-crurale in regime di ricovero breve.
Metodi. Studio retrospettivo di 669 pazienti, 594 uomini e 75 donne, sottoposti dal febbraio 1993 al dicembre 1998 ad intervento chirurgico di plastica per ernia inguinale (706 procedure) e crurale (45 procedure) presso l'Istituto di Chirurgia Generale dell'Università degli Studi di Ferrara, in regime di ricovero breve. L'età media è stata di 60,7 anni (range: 18-84 anni). L'anestesia impiegata è stata: locoregionale in 495 pazienti (74%), generale o epidurale in 174 (26%).
Risultati. Il ricovero medio è stato di 1,2 giorni. Le complicanze sono state: 3 casi di ematoma scrotale, 2 orchiti ischemiche, 3 infezioni protesiche, 1 caso di intolleranza all'anestetico locale e 3 di febbre elevata. L'85% dei pazienti si sono dichiarati favorevoli all'intervento in regime di ricovero breve. Il follow-up medio è stato di 36 mesi.
Conclusioni. La chirurgia protesica dell'ernia, in regime di ricovero breve è sicura, efficace e largamente accettata dai pazienti.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail