Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2000 September;55(9) > Minerva Chirurgica 2000 September;55(9):617-22

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,115


eTOC

 

CASI CLINICI  


Minerva Chirurgica 2000 September;55(9):617-22

Copyright © 2000 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Il cancro del colon eredo-familiare (Analisi di tre famiglie a rischio)

Lieto E., Galizia G., Castellano P., Pelosio L., Imperatore V., Pignatelli C.


PDF  


Il cancro del colon eredo-familiare è oggi un'entità nosologica chiaramente definita; trasmesso come malattia autosomica dominante, rappresenta all'incirca il 25% dei cancri del grosso intestino.
La prognosi infausta di questa neoplasia, legata soprattutto al ritardo con cui viene effettuata la diagnosi, ritardo che condiziona lo sviluppo di uno stadio più avanzato di malattia, in cui i risultati del trattamento sono sensibilmente più scadenti.
L'esistenza di una forma ereditaria di cancro del colon, benché in assenza, per il momento, di specifici biomarkers, consente di identificare una popolazione ad alto rischio in cui è possibile effettuare una diagnosi precoce, che emerge dall'integrazione di elementi anamnestici e clinici.
Gli Autori presentano tre casi di cancro colorettale ereditario, con studio delle famiglie di appartenenza e screening dei gruppi a rischio, con speciale riguardo alla scelta terapeutica effettuata per ottenere il controllo della malattia.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail