Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2000 Luglio-Agosto;55(7-8) > Minerva Chirurgica 2000 Luglio-Agosto;55(7-8):529-36

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,877

 

Minerva Chirurgica 2000 Luglio-Agosto;55(7-8):529-36

 CASI CLINICI

Oesophageal perforation after sclerotherapy. Description of a case

La Greca G., Di Stefano A., Di Carlo I., Di Blasi M., Scilletta B., Russello D., Di Cataldo A.

La terapia chirurgica è considerata di primaria importanza per le perforazioni esofagee maggiori ma il rischio operatorio nel paziente cirrotico è molto elevato. Non è noto quale sia il migliore trattamento nelle perforazioni post-sclerosi in quanto queste sono sempre state analizzate assieme a tutti gli altri tipi di perforazioni esofagee. Gli Autori riportano un caso di grave perforazione successiva a scleroterapia in un anziano paziente cirrotico con guarigione dopo trattamento conservativo che in alternativa avrebbe dovuto essere sottoposto a terapia chirurgica. Gli Autori concludono che, a causa della rarità e della cirrosi le linee guida per il trattamento delle perforazioni esofagee maggiori non devono essere applicate automaticamente a queste perforazioni che risultano essere clinicamente particolari e differenti, nell'etiologia e nella prognosi, rispetto a tutte le altre perforazioni esofagee. Un trattamento conservativo ma attivo deve essere inizialmente tentato anche per le perforazioni esofagee maggiori successive a scleroterapia.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina