Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2000 Luglio-Agosto;55(7-8) > Minerva Chirurgica 2000 Luglio-Agosto;55(7-8):523-8

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,877


eTOC

 

CASI CLINICI  


Minerva Chirurgica 2000 Luglio-Agosto;55(7-8):523-8

lingua: Italiano

Ripristino del transito duodenale nel trattamento chirurgico della sindrome da gastroresezione (L'intervento di Soupault-Bucaille)

Corsale I., Corsale C.


PDF  


Nonostante l'affinamento delle tecniche chirurgiche ed una migliore conoscenza della fisiopatologia gastro-intestinale, ancora il 5-50% dei pazienti sottoposti a resezione gastrica sviluppa una sindrome postresezionale: purtroppo il 2-5% di questi necessita di una correzione chirurgica. La tecnica da applicare dipende da un'attenta valutazione clinica e strumentale, tesa ad individuare il tipo di sindrome postresezionale dominante ed eventuali lesioni associate a questa, dal precedente intervento e, naturalmente, dalla situazione intraoperatoria. La gastroduodeno-digiuno-plastica secondo Soupault-Bucaille propone la correzione della sindrome postresezionale rimettendo in transito il duodeno, interponendo tra questo ed il moncone gastrico un'ansa digiunale ricavata dall'efferente (o dall'afferente nel caso di una Billroth II con efferente sulla piccola curva): ricostituisce una condizione parafisiologica di canalizzazione del digerente, sminuisce il reflusso biliare, normalizza un quadro gastritico acuto. È di assoluta indicazione nei pazienti affetti da Dumping syndrome, precoce o tardiva, o da sindromi pluricarenziali insensibili alla terapia farmacologica. La presenza di concomitante reflusso biliare non controindica questa procedura ma ne conferma la necessità. Naturalmente la Roux-en-Y è di innegabile validità nelle sindromi post-resezionali «gastritiche pure», sostenute da reflusso biliare isolato, nell'esofagite da reflusso, nell'atonia gastrica e nelle forme incoercibili di sindrome dell'ansa afferente.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail