Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2000 June;55(6) > Minerva Chirurgica 2000 June;55(6):401-8

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,877


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Chirurgica 2000 June;55(6):401-8

Copyright © 2000 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Trattamento chirurgico della malattia emorroidaria mediante suturatrice meccanica circolare (Analisi dei costi)

Farinetti A., Saviano M.


PDF  


Obiettivo. Gli Autori anno proceduto ad una rilevazione analitica dei costi del trattamento chirurgico della malattia emorroidaria alla luce della recente introduzione delle suturatrici meccaniche circolari confrontando tali interventi con quelli eseguiti secondo la tecnica tradizionale di Milligan-Morgan. Il risparmio economico e gestionale legato alla diminuzione dei tempi operatori e soprattutto della degenza postoperatoria risulta compensare gli attuali costi legati all'impiego delle suturatrici meccaniche.
Metodi. Sono stati presi in considerazione pazienti suddivisi in due gruppi di studio, ciascuno di 35 soggetti, omogenei per numero, età, sesso, grado di patologia emorroidaria ed équipe chirurgica, volti a valutare in modo prospettico i costi dell'intervento chirurgico.
Risultati. Il costo per caso trattato con suturatrice meccanica risulta sostanzialmente sovrapponibile a quello dell'intervento tradizionale secondo Milligan-Morgan (1.714.681 versus 1.681.893 lire) in termini economici, per altro con un non trascurabile risparmio di giornate di degenza postoperatoria (16 versus 42 ore per caso trattato) in termini di gestione delle risorse.
Conclusioni. Questo senza prendere in considerazione i vantaggi di ordine psicologico e sociale, non facilmente quantificabili ma certamente rilevanti, legati ad un più rapido recupero fisico ed all'assenza di cicli di medicazioni ambulatoriali propri di questa nuova tecnica chirurgica, con un precoce reinserimento sociale e lavorativo dei pazienti (4-5 giorni versus le 4-5 settimane dell'intervento tradizionale).

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail