Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2000 May;55(5) > Minerva Chirurgica 2000 May;55(5):377-82

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,877


eTOC

 

NOTE DI TECNICA  


Minerva Chirurgica 2000 May;55(5):377-82

Copyright © 2000 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Sezione completa della via biliare principale durante colecistectomia laparoscopica (Tratta-mento chirurgico)

Bressani Doldi S., Marinoni M., Lattuada E., Micheletto G., Zappa M. A.


PDF  


Lo sviluppo della colecistectomia laparoscopica e le complicanze ad essa correlate hanno fatto sorgere una problematica a volte di difficile soluzione. In particolar modo tali difficoltà possono risultare importanti nei casi di sezione completa della via biliare principale (VBP). Generalmente in questi casi l'insorgenza di ittero ostruttivo consente una diagnosi precoce nell'immediato decorso postoperatorio, mentre le difficoltà chirurgiche di riparazione possono essere notevoli, non essendo possibile nessun trattamento percutaneo o endoscopico. Vengono presentati 3 casi di lesione completa della VBP in corso di colecistectomia laparoscopica, eseguite in altra sede, che hanno presentato difficoltà riparative notevoli e di non facile soluzione. Nei primi 2 casi vi era stata una sezione completa alta della via biliare, nel terzo l'asportazione di un piccolo segmento della via biliare stessa. In tutti i casi è stata confezionata derivazione bilio-digestiva alta su ansa alla Roux con grande difficoltà: nel primi 2 casi per l'estrema fragilità dei tessuti e dalla modesta dilatazione della via biliare, nel terzo caso l'esistenza di un dotto accessorio nel letto della colecisti non riconosciuto né durante la colecistectomia, né ad una laparotomia esplorativa per peritonite biliare ha portato ad un ritardo della diagnosi, aumentando le difficoltà tecniche della riparazione. In 2 casi nel decorso postoperatorio è comparsa una fistola biliare esterna risoltasi spontaneamente. A un follow-up di un anno i pazienti non presentano alcun problema. La nostra esperienza conferma la necessità di un'accurata e precisa dissezione e riconoscimento degli elementi dell'ilo biliare, onde evitare una lesione di grave entità, gravità aumentata talvolta dal fatto che la complicanza può venire riconosciuta tardivamente.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail