Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2000 April;55(4) > Minerva Chirurgica 2000 April;55(4):221-6

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,877


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Chirurgica 2000 April;55(4):221-6

Copyright © 2000 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

La pancreatite acuta grave (Aspetti clinici, diagnostici e terapeutici)

Testi W., Lorenzi M., Poggialini M., De Martino A., Coratti A., Spagnulo M., Tani F., Mancini S.


PDF  


Obiettivo. Scopo del presente studio è quello di dare un contributo a definire quale sia l'attuale ruolo della terapia chirurgica nella pancreatite acuta grave (necrotizzante).
Metodi. Gli Autori hanno condotto un'indagine retrospettiva sulla casistica inerente il trattamento chirurgico della pancreatite acuta grave presso l'Istituto di Chirurgia Generale e Specialità Chirurgiche dell'Università di Siena. Nel periodo 1980-1997 sono giunti alla loro osservazione 230 casi di pancreatite acuta a diversa eziologia, tra cui sono stati selezionati per il presente studio quelli con quadro clinico e radiologico (TAC) di pancreatite grave (necrotizzante): ne sono risultati 24 pazienti, 15 uomini e 9 donne, con età media di 55 anni (range 30-80). Il trattamento della litiasi biliare (colecistectomia, esplorazione della via biliare) e management di tipo chiuso.
Risultati. In 10 pazienti è stato effettuato l'intervento chirurgico, mentre gli altri 14 casi sono stati trattati con terapia medica conservativa. La mortalità ospedaliera nel gruppo operato è stata del 40% (4 casi), mentre nel gruppo non operato è stata del 21% (3 casi).
Conclusioni. Gli Autori concludono indicando come primo approccio terapeutico alla pancreatite acuta grave la terapia medica intensiva, riservando il trattamento chirurgico ai casi non responsivi e a quelli con necrosi infetta. Dal punto di vista chirurgico suggeriscono il management chiuso rispetto a quello aperto o semiaperto ed interventi conservativi (necrosectomia, drenaggi multipli e lavaggio addominale) rispetto alle resezioni tipiche.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail