Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2000 March;55(3) > Minerva Chirurgica 2000 March;55(3):105-12

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,877


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Chirurgica 2000 March;55(3):105-12

lingua: Italiano

Studio della diffusione neoplastica addominale nell'adenocarcinoma del cardias

De Manzoni G., Di Leo A., Guglielmi A., Bonfiglio M., Leopardi F., Laterza E., Borzellino G.


PDF  


Obiettivo. Lo scopo di questo studio è stato quello di valutare l'incidenza del coinvolgimento linfonodale addominale dell'adenocarcinoma del cardias in relazione alla sede ed alla profondità di invasione della neoplasia.
Metodi. Dal luglio 1988 all'aprile 1998, 79 pazienti con adenocarcinoma del cardias sono stati sottoposti ad intervento chirurgico curativo ed a linfadenectomia D2 presso la I Divisione Clinicizzata di Chirurgia Generale dell'Università di Verona. Di questi 79 pazienti, 16 avevano un adenocarcinoma dell'esofago distale (tipo I), 26 avevano un adenocarcinoma del cardias propriamente detto (tipo II) e 37 avevano un adenocarcinoma del fondo gastrico esteso al cardias o che raggiungeva l'esofago distale (tipo III). Abbiamo analizzato le metastasi linfonodali in ciascuna delle stazioni definite dalla JRSGC, in relazione al T ed al tipo di tumore.
Risultati. Nei carcinomi tipo I si sono avute metastasi linfonodali nel 20% dei pT1, nel 33% dei pT2 e nel 100% dei pT3. Non abbiamo mai trovato linfonodi metastatici lungo la metà inferiore dello stomaco. Nei carcinomi tipo II si sono avute metastasi linfonodali nel 57% dei pT1, 86% dei pT2 ed 83% dei pT3. Nei carcinomi avanzati abbiamo riscontrato metastasi lungo la grande curva nel 18% dei casi. Nei carcinomi tipo III si sono avute metastasi linfonodali nell'83% dei pT2, 94% dei pT3 e nel 100% dei pT4. Nei tumori avanzati i linfonodi della grande curva sono risultati interessati nel 21% dei casi e la stazione infrapilorica è risultata interessata nel 13%. Nei tumori avanzati tipo II e III i linfonodi paraortici sono risultati coinvolti nel 33% dei casi.
Conclusioni. I nostri risultati suggeriscono che i carcinomi cardiali necessitano di una linfadenectomia estesa, per assicurare la rimozione di tutti i linfonodi metastatici.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail