Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2000 January-February;55(1-2) > Minerva Chirurgica 2000 January-February;55(1-2):1-6

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,877


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Chirurgica 2000 January-February;55(1-2):1-6

lingua: Italiano

Radioterapia esclusiva nel cancro dell'esofago stadio III

Tombolini V., Banelli E., Cavaceppi P., Donato V., Montagna A., Raffetto N., Santarelli M., Vitturini A.


PDF  


Obiettivo. Lo scopo dello studio è valutare il ruolo della radioterapia nella cura delle neoplasie dell'esofago al III stadio ed analizzare l'influenza della sede, estensione, grado di disfagia ed istologia nel controllo locale e nella sopravvivenza.
Metodi. Dal 1984 al 1994 presso l'IRUR sono stati trattati 26 pazienti 20 maschi e 6 femmine con carcinoma dell'esofago al III stadio. Tutti sono stati sottoposti a radioterapia esclusiva con raggi X di 4-6 MV, con un frazionamento giornaliero di 1,8-2 Gy per 5 giorni a settimana. La dose totale sul tumore è stata di 60-70 Gy. E' stata utilizzata una tecnica isocentrica a 3 campi, con un campo anteriore e due obliqui posteriori.
Risultati. Il 75% dei pazienti ha risposto alla terapia. La sopravvivenza mediana è stata di 11 mesi. Quella a 2 anni del 12,5% per i pazienti con lesioni inferioria a 5 cm e del 5,5% per quelli con lesioni superiori a 5 cm. I pazienti con disfagia di grado 2 hanno avuto una sopravvivenza mediana di 16 mesi, quello con grado 1 di 11 e i due di grado 0 di 4 e 9 mesi. Tutti i pazienti hanno presentato esofagite media e/o moderata. Due pazienti hanno sviluppato fistola esofago-tracheale.
Conclusioni. La radioterapia esclusiva non può essere considerata il trattamento di scelta nei pazienti al III stadio, mentre l'associazione radiochemioterapica sembra allo stato attuale la terapia migliore.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail