Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 1999 Ottobre;54(10) > Minerva Chirurgica 1999 Ottobre;54(10):703-8

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,877


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Chirurgica 1999 Ottobre;54(10):703-8

lingua: Italiano

L'ernioplastica 'tension free' nel trattamento dell'ernia inguinale recidiva (Nostra esperienza)

Garavello A., Teneriello G. F., Manfroni S., Antonellis D.


PDF  


Obiettivo. Nonostante i notevoli progressi apportati dalle metodiche «tension free» il trattamento della recidiva erniaria resta un problema di difficile soluzione.
Metodi. Gli Autori riportano la loro esperienza in 61 casi di ernia inguinale recidiva trattata chirurgicamente con tecniche «tension free». Il follow-up medio dello studio è stato di 27 mesi (min 6 mm, max 56 mm); si sono osservate complessivamente 3 recidive, 2 in pazienti sottoposti a plastica mediante «plug» secondo Lichtenstein ed una in un caso di plastica secondo Trabucco.
Risultati. Non vi sono state recidive in pazienti sottoposti ad ernioplastica con «mesh» secondo Lichtenstein.
Conclusioni. Nella terapia della recidiva erniaria la plastica secondo Lichtenstein è un intervento che può adattarsi ad ogni situazione anatomica, consentendo di ottenere buoni risultati con un'incidenza di complicanze pressoché trascurabile; la «plug technique», seppure di più facile esecuzione, espone al rischio di recidive in altri punti di debolezza della parete posteriore del canale inguinale.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail