Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 1999 September;54(9) > Minerva Chirurgica 1999 September;54(9):573-90

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,877


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Chirurgica 1999 September;54(9):573-90

lingua: Italiano

Ernioplastica 'tension-free' nel trattamento dell'ernia inguinale dell'adulto: la nostra esperienza in anestesia locale e revisione della letteratura

Spallitta S. I., Termine G., Zappulla A., Greco V., Compagno G. M., Lo Iacono I., Plaja S., Platania P., Ferrara S., Solina G., Moschetti G.


PDF  


Obiettivo. La vera novità degli ultimi anni nel trattamento dell'ernia inguinale è rappresentata dalle tecniche «tension-free» in anestesia locale, proposte da Lichtenstein e da Trabucco, che si basano sull'utilizzo di protesi a rete in materiale sintetico (polipropilene) per ricostruire il canale inguinale e consentono una precoce mobilizzazione ed un rapido ritorno all'attività lavorativa.
Metodi. In 21 mesi sono stati trattati, in anestesia locale, 100 pazienti, 95 uomini e 5 donne, di età compresa fra 18 e 82 anni, alcuni dei quali con gravi malattie sistemiche (7 pazienti con malattie cardio-vascolari, 1 con epilessia, 3 con malattie respiratorie, 1 con cirrosi epatica anascitica). In tutti i pazienti è stata attuata una profilassi antibiotica «short-term». Non si è registrata nessuna mortalità operatoria. Il follow-up mediano è stato di 12,5 mesi durante il quale si è riscontrata una sola recidiva bassa di modesta entità.
Risultati. I risultati sono stati pienamente soddisfacenti in termini di complicanze intra operatorie (nausea, vomito, bradicardia, dolore) e postoperatorie (ecchimosi dell'asta e dello scroto, edema scrotale, tumefazione della ferita chirurgica, ematoma sottocutaneo, secrezione sierosa dalla ferita, nevralgia inguino-crurale febbricola) che si sono risolti spontaneamente senza alcun rischio per la vita del paziente. Gli Autori sottolineano i vantaggi dell'anestesia locale, il risparmio economico dovuto alla breve degenza, la sicurezza delle metodiche tension-free anche in pazienti con gravi malattie (0,9-1% complicanze negli USA). Tali dati sono avvalorati da un'ampia revisione della letteratura sull'argomento, che prende in considerazione casistiche con maggiore valenza statistica. In particolare in termini di recidive risultati eccellenti vengono riportati con metodica «tension free» da Trabucco (0-0,025%) e Amid (0,1%)

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail