Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 1999 May;54(5) > Minerva Chirurgica 1999 May;54(5):299-304

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,877


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Chirurgica 1999 May;54(5):299-304

lingua: Italiano

Calcolosi colecisto-coledocica (Trattamento endolaparoscopico)

Vadalà G., Santonocito G., Salice M., Castorina R., Caragliano P.


PDF  


Obiettivo. La calcolosi colecisto-coledocica è una patologia che è stata sempre affrontata dalla chirurgia tradizionale per via laparotomica. L'avvento della papillosfinterotomia endoscopica e delle metodiche mininvasive e videolaparoscopiche hanno posto all'attenzione di studiosi la possibilità di introdurre tali metodiche atte a sostituire la chirurgia tradizionale.
Metodi. Gli Autori prendono in considerazione la calcolosi colecisto-coledocica nei suoi aspetti epidemiologici e clinici riferendo sulla loro esperienza maturata su dieci pazienti tutte di sesso femminile negli anni dal 1992 al 1997 presentanti tutte ittero, dolore, e febbre. Di queste otto furono trattate con papillosfinterotomia per via endoscopica e successivamente entro le 24 ore asportazione della colecisti per via laparoscopica. In due casi si è dovuto provvedere per via tradizionale per le difficoltà ad incannulare la papilla, per un diverticolo in uno ed una stenosi nell'altro e per le tenaci aderenze esistenti tra il coledoco e la colecisti si è dovuto procedere per via tradizionale.
Risultati. Il decorso postoperatorio è avvenuto senza complicazioni.
Conclusioni. Il trattamento associato cioè a dire papillosfinterotomia endoscopica più colecistectomia endoscopica si è dimostrato una valida alternativa al trattamento tradizionale laparotomico dimostrando una buona affidabilità e sicurezza per i pazienti con risparmio di mezzi e tempi di ospedalizzazione.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail